La lotta integrata alla Zanzara, è svolta in collaborazione con  il Servizio Sanitario della Regione Emilia Romagna e alla campagna di comunicazione della Regione Emilia-Romagna “Zanzara e altri insetti, impara a difenderti”  e “Conosci, previeni, proteggi”  che da quest’anno ha rilasciato un’app “ZanzaraRER”, uno strumento vicino al cittadino e di facile consultazione in qualsiasi momento, semplicemente tramite uno smartphone.
Con l'App infatti ci si può collegare al sito: https://zanzaratigreonline.it/  leggere in tempo reale le news e tutto ciò che si deve sapere per difendersi da questi insetti, ma soprattutto segnalare in forma anonima gli interventi con larvicidi effettuati dai cittadini per poter poi costruire una mappa dei trattamenti sul territorio.
 
Il Servizio sanitario regionale mette a disposizione dei cittadini pieghevoli informativi:
 Proteggi, Previeni, Consigli per chi viaggia, un Opuscolo multilingue, una Locandina e un video informativo.
 
 
COSA FA IL COMUNE:
• ordinanza comunale sui comportamenti che tutti i cittadini devono adottare per evitare il diffondersi del fastidioso insetto (trattare l'acqua presente nei tombini, evitare di lasciare all'aperto materiale accatastato, vuotare i sottovasi, ecc.)
• trattamento larvicidi 5/6 cicli di intervento nelle caditoie stradali, a partire della primavera e sino al mese di ottobre;
• trattamenti adulticidi da effettuare solo in via straordinaria in caso di emergenza sanitaria o comunque come previsto dal protocollo regionale, sulla base di indicazioni ausl, viste le problematiche di un utilizzo diffuso:
  • breve periodo di efficacia (5-7 giorni) 
  •  tossicità dei prodotti 
  •  insorgenza di resistenza nelle popolazioni di zanzara (quindi più trattamenti si fanno e meno sono efficaci) 
  • tossicità per le api e per altri insetti utili
  •  Fitotossicità
 
COSA DEVE FARE IL CITTADINO:
Dal 20 aprile al 31 ottobre di ogni anno, al fine di contrastare il proliferare dell’infestazione della zanzara tigre e della zanzara comune si fa obbligo a tutti i cittadini:
  • Negli spazi destinati a giardino, orto, balcone, terrazzo eliminare tutti i luoghi dove la zanzara possa deporre le uova; non abbandonare contenitori che possano raccogliere acqua piovana o tenerli con l'apertura rivolta verso il basso;
  •  svuotare sempre gli annaffiatoi e i sottovasi (oppure riempire di sabbia quest’ultimi); 
  •  mantenere le grondaie libere da ogni ostruzione;
  •  tenere pulite fontane e vasche ornamentali, eventualmente introducendo pesci rossi che sono predatori delle larve di zanzara tigre;
  • non svuotare nei tombini i sottovasi o altri contenitori;
  •  Utilizzare coperchi o zanzariere ben tese per coprire le cisterne o altri contenitori di acqua necessari per l'irrigazione
 
Link Utili
Pagina dedicata della Regione Emilia Romagna 
Sito Web del Servizio Sanitario Regionale 
 
torna all'inizio del contenuto